Gli ultimi aggiornamenti sul Programma di Scoperte Genetiche a Yale...

Alcune, se non molte malattie umane hanno una componente genetica. Grazie ai progressi nel sequenziamento di prossima generazione, diversi studi negli ultimi anni hanno iniziato a rivelare il ruolo delle mutazioni de novo - varianti genetiche che compaiono in un bambino ma che non sono presenti in entrambi i genitori, nei disturbi umani.  

I dott. Keith Choate e Brittany Craiglow e il loro team di ricerca del Progetto dell'Università di Yale sui Disordini della Cheratizzazione stanno impiegando gli strumenti genetici per identificare nuovi geni che causano l'ittiosi e altre tipologie di pelle correlate (conosciuti anche come "disordini di cheratizzazione"). Con le collaboratrici le dott.sse Amy Paller alla Northwestern, e Kim Morel e Christine Lauren alla Columbia University, il gruppo del Dott. Choate ha scoperto una nuova causa del disordine erythrokeratodermia variablis et progresiva (EKVP). In due famiglie, fondamentale per questa scoperta è stato trovare una nuova dominante, alcune mutazioni genetiche de novo in un gene chiamato GJA1 che era stato precedentemente individuato come causa di un diverso disordine, la displasia oculo dento digitale con sviluppo irregolare del tessuto oculare, dentale e delle dita e un variabile ritardo nello sviluppo. I loro soggetti EKV non hanno mostrato nessuna di queste caratteristiche ODDD. GJA1 codifica la connessina 43 (Cx43), la giunzione comunicante proteica più ampiamente espressa nel corpo, ma le mutazioni trovate in EKVP sembrano avere un ruolo speciale nella pelle senza effetti su altri sistemi di organi.

"Queste scoperte rivelano un ruolo importante per la Cx43 nell'omeostasi epidermica, e fornisce una prova della patobiologia dell'organo specifico risultante da diverse mutazioni all'interno del GJA", ha detto il dott. Choate riguardo all'importanza della ricerca. "E' importante soprattutto la scoperta che questo disordine ha un'età di inizio relativamente tarda, con una pelle completamente normale fino a circa sei mesi d'età. Se riusciamo a capire come queste mutazioni causano la malattia cutanea, siamo speranzosi che saremmo in grado di ripristnare una normale funzione della pelle nei nostri pazienti".

Hanno collaborato a questo lavoro anche Lynn Boyden, Jing Zhou, e Rong-Hua Hu, tutti parte del team di Yale. Il lavoro è stato parzialmente supportato dal Centro per la Genomica Mendelliana di Yale.

Abstract disponibile dal Journal of Investigative Dermatology

The Benefits of Genetic Testing

The Gene Discovery Program at Yale.


Fonte: www.firstskinfoundation.org


Traduzione: Miriam Tortorella

In Evidenza

Affiliazioni

Cerca nel sito

Policy

Questo sito è puramente informativo e gratuito. I contenuti pubblicati e le opinioni espresse negli articoli non impegnano l'associazione se non per il generico riconoscimento. Gli articoli sono di proprietà dei rispettivi autori e vengono pubblicati a giudizio insindacabile dell'associazione. Gli articoli tratti da altri siti e/o che riproducano pubblicazioni contengono la citazione della fonte. É consentita la riproduzione di articoli ed illustrazioni contenute in questo sito, purche’ ne sia citata la fonte.

Informazioni

Unione Italiana Ittiosi – UNITI - ROMA. Telefono: 339 7969785 info@ittiosi.it C.F. 97298010584

Privacy

L'iscrizione a UNITI comporta necessariamente l'inserimento dei dati personali in un archivio al fine di consentire all’Associazione la gestione dei contatti con i propri associati. Poiché l'Associazione si rivolge principalmente ai malati di ittiosi, i dati inseriti nell'archivio sono considerati "sensibili" in quanto sono idonei a rivelare lo stato di salute dell’interessato (art 4 codice di protezione dei dati personali). Pertanto possono essere raccolti e trattati solo con il consenso dell’interessato... [Continua a leggere...]

Credits

Il contenuto del sito è puramente informativo e gratuito in tutte le sue parti. L’Accesso all’area riservata, nella quale sono archiviate fotografie, filmati e documenti sensibili, è consentito solo ai soci ed è protetto da username e password. La riproduzione o divulgazione dei documenti caricati nell’area riservata è assolutamente vietata. É invece consentita la riproduzione degli articoli e delle illustrazioni pubblicate nel sito purchè ne sia adeguatamente citata la fonte. Ogni articolo od opinione della quale non sia stata eventualmente ed esplicitamente dichiarata la fonte deve essere attribuito all'Associazione che se ne assume integralmente la responsabilità. Il sito non contiene spazi pubblicitari che non siano esplicitamente ed inconfutabilmente dichiarati.