Il FIRST Research Grant ha sovvenzionato il Dott. Ryan O'Shaughnessy, dell'UCL Istituto della Salute Pediatrica, Londra, Regno Unito.

Il dott. Ryan O'Shaughnessy ha ricevuto $50,000 dal programma Assegni di Ricerca della FIRST (FIRST Research Grant Program) per continuare il suo lavoro di individuazione dei processi di desquamazione nell'ittiosi. Questa ricerca si concentra specificatamente sulla comprensione dei meccanismi che causano la desquamazione, e conseguentemente sull'aumento delle possibilità di trattamento.

Come spiegato dal dott. O'Shaughnessy, "L'ipercheratosi, o desquamazione, è un sintomo molto comune nelle malattie cutanee, con circa 150 ittiosi genetiche e malattie della pelle collegate all'ittiosi determinanti questo ispessimento dello strato più superficiale della pelle. In alcune malattie cutanee, questa desquamazione è l'effetto più visibile esternamente, e l'unico che i pazienti vorrebbero maggiormente trattare. Gli attuali trattamenti per l'ipercheratosi come i retinoidi, sebbene efficaci, vengono utilizzati senza una piena comprensione dell'organizzazione molecolare che presiede il processo. Con il nostro approccio, andremmo a decifrare meccanismi molecolari comunemente alterati, invece di utilizzare terapie genetiche o proteiche che tratterebbero una specifica mutazione. Questo approccio si tradurrebbe in terapie più dirette a beneficio dei pazienti affetti, indipendentemente dal loro specifico difetto genetico. Se possibile, sarebbe particolarmente interessante anche trovare obiettivi terapeutici che hanno già un range di farmaci che possano essere rapidamente riprogrammati per trattare le ittiosi, fornendo molteplici opzioni terapeutiche dermatologiche per trattare le ittiosi, oltre ai trattamenti di prima linea dei retinoidi.

I nostri studi precedenti sulle ittiosi congenite autosomiche recessive (ARCI), le forme di ittiosi più severe, avevano identificato componenti chiave nell'organizzazione molecolare che causa la desquamazione. Abbiamo inoltre determinato un segnale cellulare chiave, interleukin-1 alpha, che gioca un ruolo determinante nel processo. Pensiamo che questa via di segnalazione rappresenti un interessante nuovo obiettivo nel trattamento della desquamazione. In questo progetto, testeremo tre diversi farmaci, inclusi retinoidi e aspirina, sulla loro ablità di ridurre la segnalazione dell'interleukin-1 alpha, la desquamazione di pelle nelle cellule epiteliali, e modelli ricostruiti in 3D di pelle da pazienti ittiosici. Ogni farmaco sarà testato sia da solo che in combinazione. I nostri obiettivi a lungo termine sono quelli di comprendere più a pieno i meccanismi che causano la desquamazione e, come risultato, aumentare le possibilità di trattamento della desquamazione non solo nell'ittiosi, ma potenzialmente in un'ampia gamma di malattie cutanee".


Fonte www.firstskinfoundation.org


Traduzione: Miriam Tortorella
 

In Evidenza

Affiliazioni

Cerca nel sito

Policy

Questo sito è puramente informativo e gratuito. I contenuti pubblicati e le opinioni espresse negli articoli non impegnano l'associazione se non per il generico riconoscimento. Gli articoli sono di proprietà dei rispettivi autori e vengono pubblicati a giudizio insindacabile dell'associazione. Gli articoli tratti da altri siti e/o che riproducano pubblicazioni contengono la citazione della fonte. É consentita la riproduzione di articoli ed illustrazioni contenute in questo sito, purche’ ne sia citata la fonte.

Informazioni

Unione Italiana Ittiosi – UNITI - ROMA. Telefono: 339 7969785 info@ittiosi.it C.F. 97298010584

Privacy

L'iscrizione a UNITI comporta necessariamente l'inserimento dei dati personali in un archivio al fine di consentire all’Associazione la gestione dei contatti con i propri associati. Poiché l'Associazione si rivolge principalmente ai malati di ittiosi, i dati inseriti nell'archivio sono considerati "sensibili" in quanto sono idonei a rivelare lo stato di salute dell’interessato (art 4 codice di protezione dei dati personali). Pertanto possono essere raccolti e trattati solo con il consenso dell’interessato... [Continua a leggere...]

Credits

Il contenuto del sito è puramente informativo e gratuito in tutte le sue parti. L’Accesso all’area riservata, nella quale sono archiviate fotografie, filmati e documenti sensibili, è consentito solo ai soci ed è protetto da username e password. La riproduzione o divulgazione dei documenti caricati nell’area riservata è assolutamente vietata. É invece consentita la riproduzione degli articoli e delle illustrazioni pubblicate nel sito purchè ne sia adeguatamente citata la fonte. Ogni articolo od opinione della quale non sia stata eventualmente ed esplicitamente dichiarata la fonte deve essere attribuito all'Associazione che se ne assume integralmente la responsabilità. Il sito non contiene spazi pubblicitari che non siano esplicitamente ed inconfutabilmente dichiarati.