Lo studio sulle cellule staminali epiteliali permette agli scienziati di creare epidermidi artificiali per sostituire gli animali nelle ricerche farmacologiche e cosmetiche.

Grazie ad un nuovo studio del King’s College di Londra (KCL), gli scienziati hanno trovato il modo di creare pelle umana in laboratorio per sostituire gli animali nelle ricerche farmacologiche e cosmetiche.

Secondo la BBC News, gli scienziati hanno generato uno strato di pelle dalle cellule staminali. Sebbene non sia la prima volta che questa impresa è stata compiuta, il gruppo di ricercatori ha affermato che in questo caso sia più realistico perché è diffondibile.

Oltre che per poter fare a meno degli animali per le ricerche farmacologiche e cosmetiche, gli scienziati hanno coperto queste staminali epiteliali anche per risparmiare denaro. Utilizzando cellule epiteliali riprogrammate, hanno scoperto il modo di creare una quantità illimitata di cellule utilizzate per assemblare dell’epidermide.

“Si tratta di un modello nuovo e adatto ad essere impiegato per testare nuovi farmaci e cosmetici e che può sostituire modelli animali”, ha detto alla BBC News il Dott. Dusko Ilic, ricercatore capo del KCL. “E’ economico, semplice da portare su vasta scala e riproducibile”.

Il loro lavoro è stato pubblicato sul giornale Stem Cell Reports.

Troy Seidle, direttore del dipartimento ricerca e tossicologia della Humane Society International, è entusiasta della ricerca.

“Questo nuovo modello di pelle umana è scientificamente superiore all’uccisione di conigli, maiali, ratti o altri animali per la loro pelle e si spera che possa essere applicato alle persone –cosa  che spesso non accade, quando le specie differiscono in permeabilità della pelle, immunologia e altri fattori”, ha affermato alla BBC News.

Un altro ricercatore, la dott.ssa Theodora Mauro, ha detto che la nuova tecnica migliorerà anche il modo in cui alcune condizioni di pelle come eczema e ittiosi, pelli secche o squamose vengono trattate.

“L’abilità di ottenere un numero illimitato di unità geneticamente identiche può essere impiegata per studiare un range di condizioni in cui la barriera epidermica sia difettosa, a causa di mutazioni sui geni coinvolti nella formazione della barriera epidermica, come ittiosi e dermatiti atopiche”, ha affermato in un comunicato stampa.

“Possiamo utilizzare questo modello per studiare il modo in cui la barriera epidermica si sviluppa normalmente, risulta danneggiata in alcune patologie e come possiamo stimolarne la riparazione e guarigione”.

 

 

Traduzione: Miriam Tortorella

 

Fonte: http://www.universityherald.com/articles/9096/20140426/stem-cell-skin-study-allows-scientists-to-create-artificial-epidermis-to-replace-animals-in-drug-and-cosmetic-studies.htm

In Evidenza

Affiliazioni

Cerca nel sito

Policy

Questo sito è puramente informativo e gratuito. I contenuti pubblicati e le opinioni espresse negli articoli non impegnano l'associazione se non per il generico riconoscimento. Gli articoli sono di proprietà dei rispettivi autori e vengono pubblicati a giudizio insindacabile dell'associazione. Gli articoli tratti da altri siti e/o che riproducano pubblicazioni contengono la citazione della fonte. É consentita la riproduzione di articoli ed illustrazioni contenute in questo sito, purche’ ne sia citata la fonte.

Informazioni

Unione Italiana Ittiosi – UNITI - ROMA. Telefono: 339 7969785 info@ittiosi.it C.F. 97298010584

Privacy

L'iscrizione a UNITI comporta necessariamente l'inserimento dei dati personali in un archivio al fine di consentire all’Associazione la gestione dei contatti con i propri associati. Poiché l'Associazione si rivolge principalmente ai malati di ittiosi, i dati inseriti nell'archivio sono considerati "sensibili" in quanto sono idonei a rivelare lo stato di salute dell’interessato (art 4 codice di protezione dei dati personali). Pertanto possono essere raccolti e trattati solo con il consenso dell’interessato... [Continua a leggere...]

Credits

Il contenuto del sito è puramente informativo e gratuito in tutte le sue parti. L’Accesso all’area riservata, nella quale sono archiviate fotografie, filmati e documenti sensibili, è consentito solo ai soci ed è protetto da username e password. La riproduzione o divulgazione dei documenti caricati nell’area riservata è assolutamente vietata. É invece consentita la riproduzione degli articoli e delle illustrazioni pubblicate nel sito purchè ne sia adeguatamente citata la fonte. Ogni articolo od opinione della quale non sia stata eventualmente ed esplicitamente dichiarata la fonte deve essere attribuito all'Associazione che se ne assume integralmente la responsabilità. Il sito non contiene spazi pubblicitari che non siano esplicitamente ed inconfutabilmente dichiarati.