Roma, al Bambino Gesù open day su dermatite atopica e ittiosi

 

Informare i genitori su come gestire dermatite atopica e ittiosi, rispondendo a tutte le loro domande. È questo l'obiettivo dell'Open day promosso dall'Ospedale pediatrico Bambino Gesù di Roma con il supporto della Fondation pour la Dermatite Atopique, che si terrà sabato 10  dalle 9 alle 14.30 nella sede di San Paolo della struttura capitolina.
Un team di specialisti sarà a disposizione delle famiglie che potranno scambiare esperienze e ricevere supporto anche dalle associazioni di genitori presenti. Nel corso della giornata verrà inoltre presentato il nuovo protocollo elaborato dagli esperti del Bambino Gesù con le varie tecniche di distrazione dal prurito, sintomo tra i più difficili da gestire.

L'Open day è la prima iniziativa dedicata ai pazienti del Network europeo per le malattie rare della pelle (Ern-Skin), rete co-coordinata da May El Hachem, responsabile di Dermatologia del Bambino Gesù.  http://www.ospedalebambinogesu.it/open-day-dermatite-atopica-ittiosi-2017#.WUf71en2TIU
La dermatite atopica - spiegano gli specialisti dell'ospedale - è una patologia della pelle tra le più diffuse in età pediatrica, e colpisce un bambino su 5. Le ittiosi, gruppo di malattie genetiche rare, a seconda della forma ne colpiscono uno su 3.000/200.000. Le caratteristiche comuni sono alterazione della barriera cutanea, secchezza, prurito e necessità di gestione continua. Sono malattie croniche e incidono sulla qualità di vita dei pazienti e dei familiari, sia per il disagio estetico sia per il prurito.

«Abbiamo deciso di dedicare l'intera giornata ai pazienti e ai loro familiari per capire ancora meglio le difficoltà quotidiane di chi convive con queste patologie e per garantire loro una presa in carico sempre migliore - sottolinea El Hachem - L'Open day dà la possibilità ai genitori di esporre liberamente i problemi anche emotivi legati alla patologia dei propri figli. In questo modo possiamo creare percorsi sempre più completi per i nostri piccoli pazienti, fornendo un sostegno anche di tipo psicologico.


Fonte: Il messaggero (on line)

Affiliazioni

Cerca nel sito

Policy

Questo sito è puramente informativo e gratuito. I contenuti pubblicati e le opinioni espresse negli articoli non impegnano l'associazione se non per il generico riconoscimento. Gli articoli sono di proprietà dei rispettivi autori e vengono pubblicati a giudizio insindacabile dell'associazione. Gli articoli tratti da altri siti e/o che riproducano pubblicazioni contengono la citazione della fonte. É consentita la riproduzione di articoli ed illustrazioni contenute in questo sito, purche’ ne sia citata la fonte.

Informazioni

Unione Italiana Ittiosi – UNITI Via Vasco De Gama 72h - ROMA. Telefono: 339 7969785 info@ittiosi.it C.F. 97298010584

Privacy

L'iscrizione a UNITI comporta necessariamente l'inserimento dei dati personali in un archivio al fine di consentire all’Associazione la gestione dei contatti con i propri associati. Poiché l'Associazione si rivolge principalmente ai malati di ittiosi, i dati inseriti nell'archivio sono considerati "sensibili" in quanto sono idonei a rivelare lo stato di salute dell’interessato (art 4 codice di protezione dei dati personali). Pertanto possono essere raccolti e trattati solo con il consenso dell’interessato... [Continua a leggere...]

Credits

Il contenuto del sito è puramente informativo e gratuito in tutte le sue parti. L’Accesso all’area riservata, nella quale sono archiviate fotografie, filmati e documenti sensibili, è consentito solo ai soci ed è protetto da username e password. La riproduzione o divulgazione dei documenti caricati nell’area riservata è assolutamente vietata. É invece consentita la riproduzione degli articoli e delle illustrazioni pubblicate nel sito purchè ne sia adeguatamente citata la fonte. Ogni articolo od opinione della quale non sia stata eventualmente ed esplicitamente dichiarata la fonte deve essere attribuito all'Associazione che se ne assume integralmente la responsabilità. Il sito non contiene spazi pubblicitari che non siano esplicitamente ed inconfutabilmente dichiarati.