Un nuovo caso di ittiosi in INDIA

Nuovo caso di bambina con “pelle di plastica”, rara malattia genetica cui è affetta una neonata del Guru Nanak Dev Medical College Hospital di Amritsar. Una sindrome che la fa sembrare una bambola, ma che le provoca anche dolori atroci. Questo almeno quello che emerge dal fatto che la bambina appena viene toccata da chiunque inizia a piangere. Quale sia la sua sensazione è difficile dirlo. Il Direttore del Dipartimento di Pediatria del Guru Nanak Dev Medical College Hospital M. S. Pannu. ha spiegato che questa rara malattia che la fa somigliare ad una bambola di plastica “è un tipo di malattia genetica dovuta a una mutazione di alcuni geni e, di solito, è una malattia autosomica recessiva, ed è parte delle ittiosi congenite, caratterizzata da un grave disturbo della cheratinizzazione”, sono state le parole pronunciate.

Il nome della sindrome cui è affetta la piccola è collodion babydisease. Una malattia che provoca la formazione sull’intera superficie del corpo di una membrana colloidale e traslucida. Si tratta di una anomalia del processo di cheratinizzazione dell’epidermide. In alcuni casi è una anticamer di alcune forme di ittiosi.

Come detto è difficile trattare la piccola perchè stando ai report medici “comincia a piangere quando qualcuno la tocca, la sua faccia sembra essere simile a quella di un pesce e i suoi occhi e le labbra sono di colore rosso caldo. Lei non è in grado, al momento di essere alimentata dal latte materno”.

La bambina si presenta come una bambola di gomma e perde la pelle come le squame dei rettili.

I neonati di plastica sono scientificamente noti come i bambini al collodio.

La madre del bambino proviene dalla zona del distretto di Amritsar Raja Sansi in Punjab, che si trova a circa 240 km da qui. I medici di Guru Nanak Dev Medical College Hospital di Amritsar avevano esaminato la bambina Venerdì.

“La bambina comincia a piangere quando qualcuno la tocca. Sembra una bambola di gomma e la sua faccia sembra essere simile a quella di un pesce. I suoi occhi e le labbra sono di colore rosso caldo. E, inoltre, non è in grado di prendere alimentazione da sua madre”.

Confermando la nascita di un bambino di plastica, il dottor M.S. Pannu, Direttore del Dipartimento di Pediatria, Guru Nanak Dev Medical College Hospital ha detto che un bambino collodion è stato portato in ospedale Venerdì.

“Questo è un tipo di malattia genetica. E’ dovuta ad una mutazione di alcuni geni e di solito è un autosomica recessiva di ittiosi congenita (condizione della pelle squamosa).

Tuttavia il 10 per cento dei bambini al collodio ha normale pelle sottostante – una presentazione mite nota come ‘auto-guarigione’. La pelle di questa bambina, come altri nati con questa deformità, è molto spessa, “ha detto Pannu.

I bambini di plastica sviluppano crepe nella loro pelle dopo la nascita e la membrana del bambino si toglie automaticamente entro un periodo di 15 a 30 giorni. In alcuni casi, la pelle di rivestimento come plastica rende la vita del bambino infelice. Il bambino rimane sotto costante minaccia di infezione quando il corpo getta pelle. Questa minaccia resta tutta la vita.

I bambini collodio, spesso prematuri, sono noti anche come bambini di plastica. La membrana di collodio subisce desquamazione o peeling, che è molto doloroso.

“Si tratta di una malattia molto rara e si trova in uno ogni sei bambini lakh. A volte i bambini in plastica riportano ipotermia e disidratazione oltre ad altri problemi. Ho trattato un tale bambino una decina di anni fa. La pelle, a volte si getta entro due o tre settimane, ma il periodo è molto doloroso per il bambino che non può chiudere le sue palpebre.

Questo è il secondo bambino con questa malattia nato in Amritsar. In precedenza nel 2014 un bambino di plastica è nato in ospedale civile, ma è morto entro tre giorni dalla nascita.

FONTE: http://www.dottorsalute.info/2015/05/12/bambina-di-plastica-nata-in-india-ha-una-malattia-rara/

In Evidenza

Affiliazioni

Cerca nel sito

Policy

Questo sito è puramente informativo e gratuito. I contenuti pubblicati e le opinioni espresse negli articoli non impegnano l'associazione se non per il generico riconoscimento. Gli articoli sono di proprietà dei rispettivi autori e vengono pubblicati a giudizio insindacabile dell'associazione. Gli articoli tratti da altri siti e/o che riproducano pubblicazioni contengono la citazione della fonte. É consentita la riproduzione di articoli ed illustrazioni contenute in questo sito, purche’ ne sia citata la fonte.

Informazioni

Unione Italiana Ittiosi – UNITI - ROMA. Telefono: 339 7969785 info@ittiosi.it C.F. 97298010584

Privacy

L'iscrizione a UNITI comporta necessariamente l'inserimento dei dati personali in un archivio al fine di consentire all’Associazione la gestione dei contatti con i propri associati. Poiché l'Associazione si rivolge principalmente ai malati di ittiosi, i dati inseriti nell'archivio sono considerati "sensibili" in quanto sono idonei a rivelare lo stato di salute dell’interessato (art 4 codice di protezione dei dati personali). Pertanto possono essere raccolti e trattati solo con il consenso dell’interessato... [Continua a leggere...]

Credits

Il contenuto del sito è puramente informativo e gratuito in tutte le sue parti. L’Accesso all’area riservata, nella quale sono archiviate fotografie, filmati e documenti sensibili, è consentito solo ai soci ed è protetto da username e password. La riproduzione o divulgazione dei documenti caricati nell’area riservata è assolutamente vietata. É invece consentita la riproduzione degli articoli e delle illustrazioni pubblicate nel sito purchè ne sia adeguatamente citata la fonte. Ogni articolo od opinione della quale non sia stata eventualmente ed esplicitamente dichiarata la fonte deve essere attribuito all'Associazione che se ne assume integralmente la responsabilità. Il sito non contiene spazi pubblicitari che non siano esplicitamente ed inconfutabilmente dichiarati.