Malattie rare, Damascelli (Fi): 'Nota Ministero consente erogazione farmaci insostituibili'

 

Il Ministero ha emanato una circolare che dovrebbe porre fine all’odissea di un bambino pugliese affetto da una malattia rara, l’ittiosi congenita”, è quanto sostiene il consigliere regionale Domenico Damascelli.

“Da Roma, infatti, confermano che l’erogazione di prodotti extra Lea, di base non permessa alle Regioni sottoposte a Piano di rientro sanitario, può essere consentita nei casi di insostituibilità e indispensabilità del farmaco – continua il forzista –. Il bambino di cui si è parlato nei giorni scorsi è affetto da una malattia per la quale non esiste cura, ma sono possibili solo trattamenti con farmaci infungibili, ovvero senza alternativa terapeutica. Farmaci indispensabili per evitare al piccolo continue infezioni e sofferenze su tutto il corpo, ma prodotti di fascia C. Ergo, la Asl aveva stabilito all’improvviso di non sostenerne più il costo: si tratta, infatti, di trattamenti particolarmente onerosi, revocando il piano terapeutico, per seguire gli indirizzi romani. La Regione ha subìto passivamente le direttive ministeriali, lasciando le famiglie dei pazienti con malattie rare nel loro dolore quotidiano e tra mille difficoltà. Adesso, a fronte della battaglia delle associazioni, che avrebbe dovuto fare il Governo regionale, il Ministero della Salute si è reso conto del problema e ha diramato una nuova nota in cui spiega che le Asl, verificata l’indispensabilità e l’insostituibilità del farmaco, anche se di fascia C, possono erogarlo”.
“Pertanto, chiedo che si proceda celermente per assicurare alle famiglie un sostegno adeguato – conclude Damascelli –: è inaccettabile negare le cure a chi non può vivere senza. E prima di alzare le mani di fronte a direttive nazionali, con la consueta pratica dello scaricabarile, ci si ricordi che è un dovere lottare anche con le altre istituzioni per tutelare il diritto alla salute dei cittadini”.

Fonte: https://www.bitontolive.it/news/attualita/787052/malattie-rare-damascelli-fi-nota-ministero-consente-erogazione-farmaci-insostituibili

In Evidenza

Affiliazioni

Cerca nel sito

Policy

Questo sito è puramente informativo e gratuito. I contenuti pubblicati e le opinioni espresse negli articoli non impegnano l'associazione se non per il generico riconoscimento. Gli articoli sono di proprietà dei rispettivi autori e vengono pubblicati a giudizio insindacabile dell'associazione. Gli articoli tratti da altri siti e/o che riproducano pubblicazioni contengono la citazione della fonte. É consentita la riproduzione di articoli ed illustrazioni contenute in questo sito, purche’ ne sia citata la fonte.

Informazioni

Unione Italiana Ittiosi – UNITI - ROMA. Telefono: 339 7969785 info@ittiosi.it C.F. 97298010584

Privacy

L'iscrizione a UNITI comporta necessariamente l'inserimento dei dati personali in un archivio al fine di consentire all’Associazione la gestione dei contatti con i propri associati. Poiché l'Associazione si rivolge principalmente ai malati di ittiosi, i dati inseriti nell'archivio sono considerati "sensibili" in quanto sono idonei a rivelare lo stato di salute dell’interessato (art 4 codice di protezione dei dati personali). Pertanto possono essere raccolti e trattati solo con il consenso dell’interessato... [Continua a leggere...]

Credits

Il contenuto del sito è puramente informativo e gratuito in tutte le sue parti. L’Accesso all’area riservata, nella quale sono archiviate fotografie, filmati e documenti sensibili, è consentito solo ai soci ed è protetto da username e password. La riproduzione o divulgazione dei documenti caricati nell’area riservata è assolutamente vietata. É invece consentita la riproduzione degli articoli e delle illustrazioni pubblicate nel sito purchè ne sia adeguatamente citata la fonte. Ogni articolo od opinione della quale non sia stata eventualmente ed esplicitamente dichiarata la fonte deve essere attribuito all'Associazione che se ne assume integralmente la responsabilità. Il sito non contiene spazi pubblicitari che non siano esplicitamente ed inconfutabilmente dichiarati.